Totò, Peppino e il Watchdog – come scrivere un Watchdog in C, C++ e Go – pt.2

T

Totò, Peppino e il Watchdog
come scrivere un Watchdog in C, C++ e Go – pt.2

Totò: Noio, volevan, volevon, savuar, noio volevan savuar l'indiriss, ia?
Vigile: Eh ma, bisogna che parliate l'italiano perché io non vi capisco.
Totò: Parla italiano? Parla italiano!
Peppino: Complimenti!
Totò: Complimenti! Parla italiano! bravo!
Vigile: Ma scusate, ma dove vi credevate di essere? Siamo a Milano qua.
Totò: Appunto lo so. Dunque, noi vogliamo sapere, per andare, dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare, sa è una semplice informazione.
Vigile: Sentite...
Totò e Peppino [in coro]: Signorsì?
Vigile: Se volete andare al manicomio...
Totò e Peppino [in coro]: Sìssignore?
Vigile: Vi accompagno io. Ma varda un po' che roba, ma da dove venite voi? Dalla Val Brembana?

Anche questa famosissima scena di Totò, Peppino e la malafemmina si aggancia bene all’argomento di questa seconda parte dell’articolo sul Watchdog (immagino che la prima parte l’avete già letta e sapete anche recitarla a memoria, no?): abbiamo un problema di linguaggio nel dialogo con il vigile: le intenzioni sono buone, ma quando si costruiscono frasi troppo arzigogolate l’incomprensione è dietro l’angolo. Ecco, il nostro Watchdog nella sua versione C++ può indurre in qualche scelta dubbiosa, come vedremo tra poco.

…Noio, volevan, volevon, savuar, noio volevan savuar il Watchdog, ia?…

Allora, veniamo al dunque: la presentazione di oggi è analoga a quella della versione C, quindi abbiamo un main() d’uso, un header e un file di implementazione, ma questa volta lasceremo per ultimo il main(), perché è (stranamente) la parte più problematica. Cominciamo allora con l’header, vai col codice!

#ifndef WATCHDOG_H
#define WATCHDOG_H

#include <mutex>
using namespace std;

#define MAX_WATCH   32  // numero massimo di watch in uso

// definizione della struttura Watch
struct Watch {
    int    id;          // identificatore del watch (numero)
    string name;        // identificatore del watch (stringa)
    bool   active;      // flag di attività (true=attivo)
};

// definizione della classe Watchdog
class Watchdog {
public:
    // metodi
    //

    // costruttore e distruttore
    Watchdog();
    virtual ~Watchdog();

    // metodo per check di tutti i watch nella lista watch
    void check(unsigned int wait_sec);

    // metodo per aggiungere un watch per un thread
    int addWatch(const string& name);

    // metodo per cancellare un watch
    void delWatch(int id);

    // metodo per set watch
    void setWatch(int id);

private:
    // attributi
    //

    Watch *watch_list[MAX_WATCH];   // lista di watch
    mutex watch_mutex;              // mutex per operazioni add/set/check
};

#endif /* WATCHDOG_H */

Come sempre il codice è abbondantemente commentato è non c’è quasi bisogno di spiegarlo. L’header è molto simile a quella della versione C, quindi abbiamo una struttura Watch che descrive i punti di sorveglianza e una classe Watchdog che è, praticamente, identica alla struttura Watchdog della versione C, con l’aggiunta dei metodi pubblici della classe che ripetono esattamente le funzionalità delle funzioni globali della versione C. In definitiva è un header molto semplice e lineare. Ed ora possiamo passare all’implementazione, andiamo!

#include "watchdog.h"
#include <cstdio>
#include <unistd.h>
using namespace std;

// Watchdog - costruttore classe Watchdog
Watchdog::Watchdog()
{
    // reset pointers watchdog
    for (int i = 0; i < MAX_WATCH; i++) {
        // set pointer to 0
        watch_list[i] = nullptr;
    }
}

// ~Watchdog - distruttore classe Watchdog
Watchdog::~Watchdog()
{
    // rilascia le risorse allocate
    for (int i = 0; i < MAX_WATCH; i++) {
        // check se il watch è disponibile
        if (watch_list[i] != nullptr) {
            // cancella un watch
            delWatch(i);
        }
    }
}

// check - check di tutti i watch nella lista watch
void Watchdog::check(
    unsigned int wait_sec)  // sleep del loop interno in secondi
{
    // loop infinito di check watch
    for (;;) {
        // lock di questo blocco per uso thread-safe
        watch_mutex.lock();

        // check di tutti i watch nella lista watch
        for (int i = 0; i < MAX_WATCH; i++) {
            // check solo dei watch in uso
            if (watch_list[i] != nullptr) {
                // check del watch
                if (watch_list[i]->active) {
                    // watch attivo: reset flag active
                    watch_list[i]->active = false;
                }
                else {
                    // watch inattivo: mostro l'errore
                    printf("%s: watch %d: %s thread inattivo\n",
                           __func__, watch_list[i]->id, watch_list[i]->name.c_str());
                }
            }
        }

        // unlock del blocco
        watch_mutex.unlock();

        // sleep del loop
        sleep(wait_sec);
    }
}

// addWatch - aggiunge un watch nella watch list
int Watchdog::addWatch(
    const string& name)     // watch name
{
    // lock per uso thread-safe
    lock_guard<mutex> mylock(watch_mutex);

    // loop sulla watch list per trovare il primo watch disponibile
    for (int i = 0; i < MAX_WATCH; i++) {
        // check se il watch è disponibile
        if (watch_list[i] == nullptr) {
            // aggiunge un watch in watch list
            watch_list[i] = new Watch;

            // set valori
            watch_list[i]->id     = i;
            watch_list[i]->name   = name;
            watch_list[i]->active = false;
            printf("%s: watch aggiunto: id=%d name=%s\n", __func__, i, name.c_str());

            // return id
            return i;
        }
    }

    // return errore
    printf("%s: non ci sono più watch disponibili\n", __func__);
    return -1;
}

// delWatch - cancella un watch nella watch list
void Watchdog::delWatch(
    int id)                 // watch id
{
    // lock per uso thread-safe
    lock_guard<mutex> mylock(watch_mutex);

    // cancella un watch
    printf("%s: cancella un watch: id=%d name=%s\n",
           __func__, watch_list[id]->id, watch_list[id]->name.c_str());
    delete watch_list[id];
    watch_list[id] = nullptr;
}

// setWatch - set a watch
void Watchdog::setWatch(
    int id)                 // watch id
{
    // lock per uso thread-safe
    lock_guard<mutex> mylock(watch_mutex);

    // set a true del flag active
    if (watch_list[id] != nullptr)
        watch_list[id]->active = true;
}

Ed anche qui possiamo notare che l’implementazione è speculare a quella della versione C, e i metodi sono quasi sovrapponibili alle funzioni corrispondenti (c’era da aspettarselo, no?). Qualche piccola differenza c’è nella gestione del mutex di sincronizzazione, visto che ho usato C++11, e quindi ho potuto usufruire della nuova interfaccia RAII dei mutex (C++11), e cioè std::lock_guard. Ed adesso siamo pronti per vedere il main(): forza che quasi ci siamo!

#include "watchdog.h"
#include <cstdio>
#include <thread>
#include <stdlib.h>
using namespace std;

// prototipi locali
void myThreadA(Watchdog* watchdog);
void myThreadB(Watchdog* watchdog);

// funzione main()
int main(int argc, char* argv[])
{
    // crea il watchdog
    Watchdog watchdog;

    // avvio thread A e B
    thread th_A(myThreadA, &watchdog);
    thread th_B(myThreadB, &watchdog);

    // avvio check watchdog (contiene un loop infinito)
    watchdog.check(1);    // sleep interna di 1 sec

    // attesa terminazione thread A
    if (th_A.joinable())
        th_A.join();

    // attesa terminazione thread B
    if (th_B.joinable())
        th_B.join();

    // exit
    printf("%s: thread terminati\n", argv[0]);
    return EXIT_SUCCESS;
}

// thread routine A
void myThreadA(Watchdog* watchdog)
{
    // aggiunge un watch per questo thread
    int watch_id;
    if ((watch_id = watchdog->addWatch("myThreadA")) < 0) {
        // errore: non posso usare il watch
        printf("%s: non posso usare il watch: fermo il thread myThreadA", __func__);
        return;
    }

    // loop del thread
    printf("thread A partito\n");
    int i = 0;
    for (;;) {
        // il thread fa cose...

        // ...

        // TEST: ogni 5 secondi simulo un blocco del thread
        if (i++ == 500) {
            printf("thread A: sleep di 5 sec\n");
            i = 0;
            this_thread::sleep_for(chrono::seconds(5));
        }

        // rinfresco il watch del thread
        watchdog->setWatch(watch_id);

        // sleep del thread (10 ms)
        this_thread::sleep_for(chrono::milliseconds(10));
    }

    // il thread esce
    printf("thread A finito\n");
}

// thread routine B
void myThreadB(Watchdog* watchdog)
{
    // aggiunge un watch per questo thread
    int watch_id;
    if ((watch_id = watchdog->addWatch("myThreadB")) < 0) {
        // errore: non posso usare il watch
        printf("%s: non posso usare il watch: fermo il thread myThreadB", __func__);
        return;
    }

    // loop del thread
    printf("thread B partito\n");
    int i = 0;
    for (;;) {
        // il thread fa cose...

        // ...

        // TEST: ogni 15 secondi simulo un blocco del thread
        if (i++ == 1500) {
            printf("thread B: sleep di 5 sec\n");
            i = 0;
            this_thread::sleep_for(chrono::seconds(5));
        }

        // rinfresco il watch del thread
        watchdog->setWatch(watch_id);

        // sleep del thread (10 ms)
        this_thread::sleep_for(chrono::milliseconds(10));
    }

    // il thread esce
    printf("thread B finito\n");
}

Allora, vediamo un po’: questo main() segue (ovviamente) gli stessi passi di quello della versione C, e i due thread che si lanciano sono praticamente identici a quelli già visti. Entrando più in dettaglio si può notare che la funzione main() è leggermente più compatta di quella della versione del primo articolo, visto che mancano i test di successo dei vari passi (creazione del Watchdog e creazione/join dei thread) che in questo caso non sono utilizzabili. Compilando ed eseguendo questo programma si otterranno esattamente gli stessi risultati di quello della versione C (provare per credere!).

E allora dov’è la parte critica? Ecco, la funzione main() presentata è, diciamo, la versione “minimale” realizzabile, che è poi, ahimè, anche quella che si vede spesso nel comune codice multithreading scritto in C++11. Diciamo che funziona, ma è tutt’altro che a prova di bomba (dal punto di vista della sicurezza dell’esecuzione). È una versione minimale perché, perlomeno, prevede il join dei thread “joinabili”, e già questa è una cosa obbligatoria che molti si dimenticano di fare. Bisogna rendersi conto che attendere i thread “joinabili” con std::thread::join è una prassi da seguire sempre, anche quando apparentemente non serve. È un po’ come, guidando, si mette la freccia quando si svolta anche quando non ci sono altre macchine in circolazione: si fa sempre per non perdere l’abitudine a farlo automaticamente.

Quindi è buona abitudine usare std::thread::join anche quando il thread è stato “staccato” con std::thread::detach perchè il test std::thread::joinable ci assicura che tutto avvenga senza errori. E volete un esempio di un possibile problema reale? Se dimentichiamo di usare join (o detach) quando il main() finisce l’esecuzione vengono chiamati i distruttori dei thread “joinabili” che a loro volta chiamano std::terminate… e il risultato è un bel crash.

Ma questo non è niente, il vero problema è un altro: l’implementazione dei thread in C++11 non prevede una facile gestione degli errori, e questo a causa della terribile implementazione delle eccezioni integrata nel C++.

(…ho detto terribile? ma questo potrebbe attirarmi le ire di tutti i fan del C++… Allora lo ritiro, e lo faccio dire a uno molto più autorevole di me, lo faccio dire a Linus (e potrei farlo dire a molti altri, eh!). Quindi se non siete d’accordo prendetevela con lui. Ma state attenti, è un tipo molto irascibile…)

Quindi dobbiamo tenere conto che un thread potrebbe uscire per un errore e, in questo caso, propagare l’errore al main() non è semplicissimo. E allora il codice qui sopra, che sembrava compatto, bisognerebbe trasformarlo un po’… Un metodo relativamente semplice di tracciare le eccezioni potrebbe essere questo (nota: è quasi pseudo-codice, non avevo voglia di provarlo):

// pointer globale per le eccezioni
static exception_ptr globalExceptionPtr = nullptr;

// funzione main()
int main()
{
    // avvio thread
    thread th(myThread);

    // attesa terminazione thread
    if (th.joinable())
        th.join();

    // gestione eccezioni
    if (globalExceptionPtr) {
        try {
            // tutto ok?
            rethrow_exception(globalExceptionPtr);
        }
        catch (const exception &ex) {
            // eccezione intercettata
            cout << "Thread uscito con eccezione: " << ex.what() << "\n";
        }
    }

    // exit
    return 0;
}

// thread routine
void myThread()
{
    try {
        // il thread fa cose...

        // ...

        // sleep del thread (10 ms)
        this_thread::sleep_for(chrono::milliseconds(10));
    }
    catch (...) {
        // set del exception pointer globale nel case di una eccezione
        globalExceptionPtr = current_exception();
    }
}

Evidentemente una volta applicato questo stile al main() del nostro Watchdog tutta la compattezza della versione C++ va a ramengo… E sono stato generoso, perché si potrebbe complicare ulteriormente il discorso usando un approccio del seguente tipo (nota: è quasi pseudo-codice, non avevo voglia di provarlo):

// funzione main()
void main()
{
    promise<int> promise;                       // la promessa del thread (?)
    future<int> future = promise.get_future();  // il futuro del thread (?)

    // avvio thread
    thread thread(&threadMethod, ref(promise));

    // test delle eccezioni
    while (future.valid()) {
        try {
            // tutto ok?
            int result = future.get();
        }
        catch(const exception& ex) {
            // eccezione intercettata
            cout << "Thread uscito con eccezione: " << ex.what() << "\n";
        }
    }

    // attesa terminazione thread
    if (th.joinable())
        th.join();
}

// thread routine
void myThread(promise<int>& promise)
{
    try {
        // il thread fa cose...

        // ...

        // sleep del thread (10 ms)
        this_thread::sleep_for(chrono::milliseconds(10));
    }
    catch(...) {
        // intercetto l'eccezione
        promise.set_exception(current_exception());
    }
}

Considerazione finale: se per trasformare il C++ in un linguaggio ad alto livello (ma è veramente, ma veramente, necessario?) il comité ISO ha bisogno di aggiungere oggetti con nomi esotici e funzionamento misterioso come std::future e std::promise (e tantissimi altri oggetti che vi risparmio) io rimango veramente perplesso (eufemismo). Ma ricordate: tutto questo è molto soggettivo! Ovvero: io rimango perplesso di fronte a cose come questa, mentre sono sicuro che ad altri potrebbe venire un orgasmo. Il mondo è bello perché è vario… 

E con questa seconda parte è tutto. Nella terza e ultima parte vi presenterò la versione Go del Watchdog. E vi preannuncio che il main() questa volta sarà veramente compatto, senza promesse e futuri, come si adddice a un vero linguaggio ad alto livello.

Ciao, e al prossimo post!

A proposito di me

Aldo Abate

È un Cinefilo prestato alla Programmazione in C. Per mancanza di tempo ha rinunciato ad aprire un CineBlog (che richiede una attenzione quasi quotidiana), quindi ha deciso di dedicarsi a quello che gli riesce meglio con il poco tempo a disposizione: scrivere articoli sul suo amato C infarcendoli di citazioni Cinematografiche. Il risultato finale è ambiguo e spiazzante, ma lui conta sul fatto che il (si spera) buon contenuto tecnico induca gli appassionati di C a leggere ugualmente gli articoli ignorando la parte Cinefila.
Ma in realtà il suo obiettivo principale è che almeno un lettore su cento scopra il Cinema grazie al C...

Di Aldo Abate

I nostri Partner

Gli articoli più letti

Articoli recenti

Commenti recenti